TOP
Calcio

La classe non si compra

“All Or Nothing: Manchester City” è il docufilm che racconta il capolavoro di Guardiola nel portare il City alla conquista della Premier League 2017/2018.

Targato Amazon Prime Video, il documentario sportivo è disponibile online dal 17 agosto
Gli autori di All or Nothing non si sono limitati a raccontare il percorso che ha portato il City a vincere il titolo. Hanno invece voluto esaltare il percorso emotivo che porta a diventare dei vincenti. Sono entrati nella quotidianità e nello spogliatoio di una squadra con una telecamera accesa negli allenamenti, nelle riunioni nonché nella vita dei giocatori anche quella fuori dal campo.

Una sorta di Grande Fratello che per una volta ha svelato ciò che di solito è interdetto a noi tifosi.

Non mancano nemmeno i punti di contatto con il tatticismo, o meglio il Guardiolismo: diverse sono infatti le scene dove il tecnico catalano spiega movimenti, posizioni e situazioni tipici del suo modello di calcio che ha rivoluzionato l’ultima decade di questo sport.
L’intimità di Guardiola con la sua squadra è stata perciò lesa con un documentario che sicuramente frutterà dei soldini alla seconda (?) squadra di Manchester, e che sta ricevendo consensi positivi dalla critica dei giornalisti sportivi.

NON E’ UN FILM PER TUTTI

Sicuramente non lo è per Jose Mourinho che lo ha ritenuto irrispettoso e che poi ha aggiunto quel pezzo di frase che mediaticamente ha funzionato (anche come un boomerang)

“[…] se sei un club ricco puoi anche comprare grandi giocatori, ma non puoi comprare la classe”.

Mourinho inoltre contrattacca soffermandosi sul fatto che lui stesso compare più volte nel film sottolineando che un film sulla premier senza di lui non vende molto e dunque l’idea di chiedere i diritti per l’uso della sua immagine.
La sfilettata è però arrivata quando lo Special One ha ricordato un aneddoto del 7 Aprile 2017, giorno in cui i Red Devils vincono in rimonta sul campo del City rinviando di fatto la festa scudetto degli odiati cugini:

“Se mi mandano una delle magliette che avevano nel tunnel quando abbiamo vinto lì, rinuncio ai miei diritti. Le maglie dicevano “Lo abbiamo vinto nel giorno del derby”

Sembra, da voci vicine al portoghese, che Mourinho ci sia rimasto male poiché nel racconto del campionato, lui viene dipinto come un allenatore che predica un calcio più difensivista e meno spettacolare rispetto al collega catalano che invece ha un ritratto di colui che esalta il calcio d’attacco.

Le parole di Mourinho sono arrivate prima che il Manchester United cadesse 3-2 a Brighton subendo la prima sconfitta di questa Premier League 2018/2019.
In questo contesto, Pep Guardiola , ha approfittato per rispondere al portoghese dopo la vittoria della sua squadra per 6-1 contro Huddersfield.
In modo molto sottile ha dichiarato: ” È vero, non puoi comprare la classe, sono d’accordo con José, penso che abbiamo avuto un’incredibile stagione lo scorso anno, ma l’abbiamo costruita con i nostri meriti. Sono d’accordo con lui, la classe non si compra “.

Qui il trailer ufficiale del Docufil con i sottotitoli in lingua italiana

 

Cambio ogni anno squadra di calcio… Puntualmente quella a cui tengo retrocede. Ho visto il primo gol di Miccoli in Serie A, conosciuto la “Veronica” di Zidane e rimasto stregato dal Superclasico di Buenos Aires . Seguo più gli eventi sportivi da divano che quelli mondani da drink in mano.

«

»

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *