TOP
Sport

Rivoluzione tennis: La Coppa Davis non sarà più la stessa

…mi sento triste a non avere la solita Davis. La competizione non sarà più la stessa

cit. Roger Federer

Siamo nell’era del “Tutto e Subito”, siamo sempre più divoratori di intrattenimento ed in questo senso il tennis mondiale sta cambiando per rendere smart anche la fruibilità di questo nobile sport.
Già alla fine del 2017, in occasione delle Next GenATP Finals di Milan, la FIT ha testato regole nuove come l’eliminazione dei vantaggi o la riduzione nel punteggio del set portato da 6 a 4 game e tie break sul 3-3.
In questo articolo già approfondivamo la tematica, ma in generale questi cambiamenti sembrano utili solo al fine di velocizzare il gioco, nell’esclusivo interesse di chi assiste all’incontro.

Un’idea maliziosa ci porta a credere che forse queste modifiche vengano fatte anche per esigenze degli sponsor, dato che in uno slot televisivo predefinito se ci sono meno pause e l’incontro dura meno, ci sarà maggior inserimento di messaggi promozionali.

Interpretiamo in quest’ottica il cambiamento storico voluto dalla FIT: si cancellano 119 anni di storia modificando drasticamente il formato della Coppa Davis.
Con il 71% dei voti , i rappresentanti delle federazioni di tennis del mondo hanno sostenuto la nuova proposta della Kosmos, azienda che fa capo al noto calciatore spagnolo Gerard Piqué.
E’ infatti ufficiale che a partire dal 2019 , il torneo a squadre che porta alla conquista della leggendaria Insalatiera del tennis, subisce una profonda riforma che si porta dietro anche un impressionante aumento in termini di premi economici e che siamo sicuri avrà un impatto diretto sul circuito professionale ufficiale.

I Punti Chiave della riforma:

Quanti Paesi si sfidano per il titolo : 18 squadre (12 provenienti da un turno di qualificazione precedente alla fase finale da disputarsi in Febbraio; i 4 Paesi semifinalisti dell’edizione precedente; 2 Paesi ospiti tramite Wild Card)
Quando si disputa : il torneo si giocherò, dal 18 al 24 novembre 2019
Dove : Madrid (Spagna) e Lille (Francia) sono le città candidate
Come si compongono i Gironi : 6 gruppi composti da 3 paesi ciascuno
Come sono le serie di incontri nelle finali : due singolari e un doppio in partite al meglio di tre set
Chi si qualifica : i primi 6 di ogni zona e i 2 migliori secondi classificati andranno ai quarti di finale

IL NUOVO FORMATO: ROUND INIZIALE

24 paesi si affrontano nei play off tra i mesi di Gennaio e Febbraio con la classica formula di dei turni di andata e ritorno tipica della tradizione Davis.
Si sfidano le 12 squadre che erano tra il 5 e il 16 posto nella precedente edizione contro le 12 squadre del Gruppo I delle zone della seconda fascia (ovvero 6 di Europa / Africa, 3 di Asia / Oceania e 3 di America).
I 12 vincitori si uniranno alla finale (il World Group) che si svolgerà a novembre.

IL NUOVO FORMATO: ROUND FINALE

Sono dunque 18 Paesi in totale a formare il World Group finale e che si affrontano in sede unica nella settimana dal 18 al 24 Novembre 2019.
Il Venerdì saranno disputati i quarti di finale , il sabato la semifinale e la domenica 24 si svolgerà la Grande Finale.
Tutte le partite – singole e doppie – della nuova Coppa Davis sono, come detto, al meglio dei tre set

IL NUOVO PREMIO: LA SEDUZIONE PRINCIPALE

Strano vedere nel volto di Gerard Piqué il nuovo corso della nuova Coppa Davis.
Il calciatore del Barcellona è tra gli ideatori del progetto promosso dalla sua società Kosmos e dal gigante giapponese Rakuten, che è anche l’attuale sponsor sulla maglietta “Blaugrana”.
Secondo i dati ufficiali, l’investimento della Kosmos è pari a 3.000 milioni di dollari di premi in 25 anni (che è la durata del contratto).
Questo vuol dire un aumento sostanziale in termini di premi sia per i tennisti che per le federazioni: i giocatori si spartiscono circa 20 milioni di dollari a stagione. Si capisce meglio la portata economica confrontando il montepremi dell’intero US Open che distribuisce “solo” 50 milioni di dollari tra il torneo maschile, il torneo femminile e il doppio.

Soldi che fanno a cazzotti con il lato romantico cui spesso il tifoso si aggrappa!

Rafael Nadal e Novak Djokovic sono le due stelle del circuito che in si sono impegnate di più per ottenere l’attuazione di questo nuovo sistema. Il tennista serbo ha infatti dichiarato che “il format della Davis necessitava di un cambiamento e sono totalmente a favore”.
Tuttavia, il campione francese Lucas Pouillecampione con la Francia nel 2017 – è stato il principale promotore del fronte del no e che senza peli sula lingua ha commentato definendo la FIT la vergogna del tennis dichiarando inoltre che quella del 2018 sarà “ la nostra ultima Coppa Davis”

Neutrale invece la reazione ufficiale di Re Roger Federer “Non so se è una buona idea, anche se la Coppa Davis deve cambiare”

 

A proposito di lato romantico, godiamoci alcuni tweets di tifosi

 

 

 

Cambio ogni anno squadra di calcio… Puntualmente quella a cui tengo retrocede. Ho visto il primo gol di Miccoli in Serie A, conosciuto la “Veronica” di Zidane e rimasto stregato dal Superclasico di Buenos Aires . Seguo più gli eventi sportivi da divano che quelli mondani da drink in mano.

«

»

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *