TOP
Calcio

Tutti Pazzi per DAZN

Tutti pazzi per lo streaming, il nuovo modello televisivo in stile Netflix approda nel Calcio che conta e, Sabato 18 Agosto è stata una data storica,  con la prima partita, Lazio – Napoli trasmessa solo sul web!

Google Trends ci restituisce il dato sul Motore di Ricerca di Google della parola DAZN: una delle più cliccate nell’ ultimo mese soprattutto in Italia, che risulta essere il secondo Paese al Mondo che in agosto ha googolato la Parola Magica che si legge Daaasoon.
Succede tutto con l’acquisizione, da parte della piattaforma streaming inglese, dei diritti di 3 partite per ogni giornata della Serie A. Uno spezzatino commerciale da dividere con il colosso SKY e che da consumatori ci coglie tutti di sorpresa.

Per ora, questa forte novità ci lascia un week end con tifosi di calcio scatenati sui social contro la qualità del servizio erogato.
Benchè tale sarcasmo sia piacevolmente leggero da consultare online e la naturalezza di certi commenti ci strappa dei gran sorrisi, di serio ci sarebbe invece da capire come la Lega abbia dato il via libera a questa possibilità di consumo mediatico di calcio.

L’ironia di Twitter e Facebook che ha dato voce ai tifosi ci rilascia un Paese che sembra davvero ancora poco pronto a nutrirsi di calcio online.

Le partite trasmesse su DAZN sono state una reale sofferenza soprattutto per la moltitudine di tifosi Napoletani ed Interisti.
Immagini in ritardo, blocchi video ed anche audio che hanno chiaramente inficiato la qualità del servizio percepito.

Personalmente domanderei alla Lega come sia possibile concedere questi diritti. L’Italia è infatti agli ultimi posti della classifica Europea dei Paesi per accesso wi-fi ed internet veloce.
Il problema non è l’avvento di DAZN ma è l’avvento di DAZN in un contesto di infrastruttura di rete internet non eccellente.

Grandi squadre come Napoli ed Inter con grandi bacini di tifosi e conseguente grande traffico dati, hanno generato una domanda di Banda Larga che tante località, non solo minori, del nostro Paese non sono in grado di supportare a livello di infrastruttura.
Il sito telecomitalia.com dichiara che la connessione in Fibra copre il 75% delle abitazioni (che è sempre diverso che dire il 75% del territorio) ed è comunque un dato di parte.

L’inglese DAZN si è comunque già trovata a gestire situazioni di questo tipo quando nel 2016 inizia ad operare in Austria e Germania andando incontro a dirette streaming che ricordano i primi videogiochi di calcio by Nintendo 64!
Il mese di prova è stato in quel caso prorogato ed è facile ipotizzare che anche in Italia si possa andare in una gestione similare nella speranza che i gol arrivano prima in streaming che sulle chat di whatsapp… visto che c’è chi ancora oggi, lunedì 20/08, sta aspettando che Berardi calci il rigore.

Ad Ogni modo il comunicato ufficiale di DAZN parla di un “Grande Successo” e di “Serata Storica” traducendo in positivo i commenti acidi dei social network parlando di un “boom di connessioni” sottolineando come “Siamo prontamente intervenuti, risolvendo la situazione nel minor tempo possibile”

Nella lettura social del fenomeno, c’è chi giura che “anche la Leotta nel passaggio da SKY a DAZN non è più così Sexy” al contrario di chi invece con la Leotta si è consolato sperando che il fermo immagine si bloccasse strategicamente su di lei:

 

Più in generale c’è lo sfogo di gente incazzata che voleva calcio ed ha vuto spoiler di quanto succedesse in campo da altre fonti o che ha preferito la sempre magnifica Radio Cronaca di Radio Rai.
Con questa lentezza il campionato di Serie B di quest’anno finirà nel 2022 mentre c’è chi finalmente ha capito come mai le partitre di Holly e Benji durassero così tanto!

 

 

 

 

Cambio ogni anno squadra di calcio… Puntualmente quella a cui tengo retrocede. Ho visto il primo gol di Miccoli in Serie A, conosciuto la “Veronica” di Zidane e rimasto stregato dal Superclasico di Buenos Aires . Seguo più gli eventi sportivi da divano che quelli mondani da drink in mano.

«

»

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *