TOP
Calcio

Focus Russia 2018 – L’Islanda al ballo delle debuttanti

I “Vichinghi” hanno già giocato un effetto sorpresa ad Euro 2016: già solo il fatto di essersi qualificati!

Ma questa gente è barbara nel DNA e quando salpa per un territorio intendono poi conquistarlo.
E’ successo così che, non solo ci sono arrivati, ma hanno passato la fase a gironi e poi tolti lo sfizio di eliminare sua maestà l’Inghilterra. Sarebbe stato sufficiente ed invece NO.

Ordine tattico, lavoro e sacrificio sono virtù che nel calcio di oggi ti portano lontano.

E così i Vichinghi vanno si lontano, vanno in Russia e senza passare dagli spareggi facendo tremare la più quotata Croazia ed azzerando una Turchia in piena crisi d’identità. Da debuttante l’Islanda si presenta come il Paese più a Nord a partecipare ad una fase finale di Coppa del Mondo; ma anche il Paese con il minor numero di abitanti a qualificarsi ad un Mondiale.

Come arriva a questi Mondiali

Mister Heimir Hallgrimsson ha condotto i suoi alla vittoria del Gruppo 9 con ben 7 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte.
Il 9 ottobre 2017 è perciò una data storica per il piccolo stato ai confini del mondo, in quanto ha certificato l’impresa con il 2-0 in Kosovo.

Il Simbolo:

Nella squadra Islandese, vale il motto “l’unione fa la forza”. In una rosa che ha grossi limiti tecnici sono ovviamente il cuore e l’ordine tattico le uniche armi che questi moderni vichinghi hanno per spingersi sempre oltre. Il giocatore più talentuoso è Gylfi Sigurdsson , centrocampista dell’Everton che però esce da un infortunio al ginocchio destro e perciò non al meglio della forma. Ma se cerchiamo un personaggio di culto è sicuramente Hemil Hallfredsson, capace di costruirsi un’ormai lunga carriera in Serie A benchè vada sempre a due all’ora…

Il Boss

Heimir Hallgrimsson anche se non li dimostra ha 50 anni ed una carriera da dentista che porta ancora avanti. E’ stato l’assistente di Lars Lagerbäck negli anni in cui il tecnico danese ha messo ordine nel calcio islandese. Ha definitivamente preso il posto del suo mentore alla fine dell’Europeo 2016, perciò ha saputo guidare e superare alla grande la sua prima prova da allenatore professionista.

Partecipazioni alla Coppa del Mondo

Questa casella è vuota, anzi da riempire.

Intanto mettetelo in calendario
16 giugno alle 15:00 contro l’Argentina Il Debutto

 

Cambio ogni anno squadra di calcio… Puntualmente quella a cui tengo retrocede. Ho visto il primo gol di Miccoli in Serie A, conosciuto la “Veronica” di Zidane e rimasto stregato dal Superclasico di Buenos Aires . Seguo più gli eventi sportivi da divano che quelli mondani da drink in mano.

«

»

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *